Ricette dall’Umbria. Pranzo di Pasqua con coratella ai carciofi

Ricette dall’Umbria. Pranzo di Pasqua con coratella ai carciofi

Ricette dall’Umbria. Se vogliamo stilare il menù per il pranzo di Pasqua non dobbiamo dimenticare la coratella. Sapete cos’è? Viene fatta dalle interiora dell’agnello come: cuore, polmoni, fegato, animella e rognone. Le parti vengono tagliate e una volta cucinate ci regalano un delizioso sapore, un piatto gustoso tramandato dalle  tradizionali ricette delle nostre nonne. Oggi vi presento una versione insolita: la coratella ai carciofi, preparata dalla nostra amica Cristina, cuoca a domicilio.

INGREDIENTI

– 3 carciofi grandi romaneschi;
– 700 gr. di coratella;
– olio evo;
– sale;
– 100 gr. di vino bianco;
– erbe aromatiche (prezzemolo, menta, timo);
– 2 foglie di alloro;
– 1 cucchiaino di concentrato di pomodoro;
– 1 scalogno

PROCEDIMENTO

Mondate i carciofi, tagliateli a fettine sottili ed immergeteli in acqua acidulata con limone.

Con un  frullatore preparate una salsina con le erbe aromatiche e un po’ di olio, mettendola poi a scaldare in una padella con un filo di olio. A fiamma alta aggiungete i carciofi, fateli appassire qualche minuto, sfumate con un po’ di vino bianco, lasciatelo evaporare e salate.


Abbassate la fiamma e lasciate cuocere i carciofi lasciandoli al dente. In un’altra padella mettete dell’olio, aggiungete lo scalogno tritato e le foglie di alloro.

Dopo qualche minuto mettete la coratella e quando inizia a soffriggere, salate e sfumate con il resto del vino.

Lasciatelo evaporare e continuate la cottura coprendo con un coperchio e, quando sarà quasi ultimata, aggiungete i carciofi  e proseguite finché il tutto non sarà pronto.


Servite su un bel piatto da portata!

Seguite la nostra amica Cristina sulla sua pagina facebook Cucina con Cri Cri

Un piatto tutto umbro per il vostro pranzo di Pasqua, potete servire coratella ai carciofi sia come antipasto che come secondo piatto

Volete suggerirci una ricetta della tradizione con prodotti tipici del nostro territorio? Inviateci una mail e la proporremo menzionando l’autore. 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.