Roccaporena: dove nacque Santa Rita

Roccaporena: dove nacque Santa Rita, dove ancora oggi è custodita la vita terrena e spirituale della Santa dei casi impossibili

 
Alcuni cenni storici

Questo luogo incantevole è conosciuto per essere la città natale di Santa Rita. La santa dei casi impossibili nacque qui, nel 1381. Luogo particolarmente isolato ed immerso nel verde, a pochi chilometri da Cascia, ma collegato ad essa solo solo nel 1950 quando venne inaugurata la strada. Roccaporena ospita l’Opera di Santa Rita ed un orfanotrofio dedicato ai bambini maschi (le bambine venivano invece ospitate l’Alveare di Santa Rita a Cascia).

Cosa vedere a Roccaporena il paese dove nacque Santa Rita

Tutti i luoghi di interesse a Roccaporena sono legati alla vita di Santa Rita.

LO SCOGLIO DI S. RITA: alla sommità di uno sperone roccioso è il luogo dove Santa Rita si ritirava a pregare così intensamente da lasciare l’impronta delle ginocchia e dei gomiti. Il masso oggi è ospitato all’interno di una cappellina, protetto da un vetro.

LA CASA NATALE DI SANTA RITA e L’ORTO DEL MIRACOLO: risalente al XIV secolo. Nell’inverno del 1457 Santa Rita morente chiese alla cugina di recarsi presso l’orto di casa sua e di raccogliere lì, una rosa e due fichi. La cugina incredula si recò in quel luogo solo per compiacere il desiderio di una donna gravemente malata ma al suo arrivo rimase sbalordita trovando ciò che le era stato richiesto, ovvero una rosa fiorita e 2 fichi in pieno inverno.

LA VIA CRUCIS: cammino che sale fino allo soglio, molto suggestivo poiché illuminato di notte.

IL SANTUARIO DI SANTA RITA: di recente costruzione, ospita il manto che la tradizione attribuisce a Rita.

CHIESA DI SAN MONTANO: ove si sposò Santa Rita.

IL LAZZARETTO: luogo ove la Santa curò e si dedicò a molti malati.

Curiosità 

Putroppo questa terra è nota alle cronache per i devastanti terremoti. Ma nel terremoto del 1599, che rase al suolo tutto il paese, la casa di Santa Rita rimase miracolosamente illesa.

Lo scoglio di Roccaporena si dice nasconda il “segreto” di Santa Rita. Raggiungerlo non è impresa facile: dura la salita da percorrere, formata da più di 300 gradini, sul costone della montagna. Molti sono oggi i pellegrini che, sulle orme della Santa, ed in segno di profonda devozione, si inerpicano fino alla cima dello scoglio.

Eventi

Festa di Santa Rita da Cascia e celebrazioni ritiane: il 22 maggio.

Vuoi raccontarci la Tua Umbria con delle immagini, delle leggende o un viaggio fatto nel cuore verde d’Italia? Mandaci una mail con il materiale e lo pubblicheremo con il vostro nome.

Vuoi inserire la tua attività su www.umbriatua.it: CHIAMA 3391520648

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.