Scopri il Bosco di San Francesco ad Assisi

Passeggiare nel Bosco di Francesco ad Assisi

A fianco della Basilica superiore di Assisi si trova un grande portone che si apre sul Bosco di San Francesco, un luogo dove la natura e la spiritualità si incontrano. Vieni e scopri il Bosco di San Francesco, rimarrai colpito dall’armonia e dalla straordinaria atmosfera che si respira! Sessanta ettari di paesaggio umbro costituito da ulivi, varie specie di alberi e coltivi, un bene magnifico custodito dal  Fondo ambiente Italia. Fu il FAI a recuperare e restaurare  l’itinerario e gli edifici che fanno parte di questa bellissima proprietà dal 2008 al 2011, rendendolo un luogo dove è possibile ritrovare lo spirito di Francesco.

Visita il Bosco di San Francesco

La visita al Bosco inizia con un sentiero lungo 1,5 chilometri da percorrere in tutta tranquillità, reso ancora più interessante dai cartelli esplicativi che ci raccontano la storia di questo posto. Attraversando il bosco si ascolta il canto degli uccellini, si sente il profumo delle piante che costeggiano il viottolo per giungere a fondovalle, un viaggio emozionale che ci mette in armonia con la natura. Lungo il tragitto si incontrano delle panchine dove potersi rilassare un po’ e godere delle belle sensazioni che si provano stando in questo angolo di mondo quasi magico.

Scopri il Convento di Santa Croce al Bosco di Assisi

Riprendiamo il nostro cammino lungo il corso del torrente Tescio per andare a visitare luoghi specialissimi come il Convento benedettino di Santa Croce con annessa una piccola chiesa medievale in cui è possibile meditare e pregare. Ora proseguiamo fino a raggiungere una radura e una torre-opificio, da dove è possibile osservare il Terzo Paradiso, cioè l’opera di un grande artista contemporaneo di land art Michelangelo Pistoletto.

L’Opera del Terzo Paradiso di Michelangelo Pistoletto al Bosco

Si tratta di un’ installazione viva: centoventuno piante di olivo disposte a doppio filare che formano 3 cerchi tra loro tangenti.
Il primo rappresenta la natura, il secondo l’uomo ed il cerchio centrale rappresenta il Terzo paradiso, luogo di ritrovato e rinnovato equilibrio. Pistoletto ci ricorda che solo dalla compenetrazione armonica tra i 2 mondi nasce la possibilità di vivere una vita serena. E’ 
al centro che si trova l’armonia perfetta tra uomo e terra. Vista dall’alto l’opera raffigura il simbolo matematico dell’infinito, oltre a far ritornare il numero 3, simbolo della trinità. 

In mezzo c’è un’ asta d’acciaio alta 12 metri che raffigura il rapporto fra terra e cielo. E’ specchiante e se si guarda in alto sembra scomparire nel cielo come a ritrovare un nuovo rapporto con il creato.
Scopri l’altra faccia di Assisi, oltre ai più noti e conosciuti monumenti,  vieni al Bosco di San Francesco per concederti una passeggiata slow!

Vuoi raccontarci la Tua Umbria con una storia, delle immagini, delle leggende o un viaggio fatto nel cuore verde d’Italia?
Mandaci una mail con il materiale e lo pubblicheremo con il vostro nome.

VUOI FAR CONOSCERE LA TUA ATTIVITA’ SU UMBRIA TUA? CHIAMA IL 339- 1520648 O SCRIVI UNA MAIL

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.