La leggenda e il mistero del Lago Aiso vicino Bevagna

di Alessia C.

Il Lago Aiso vicino Bevagna tra leggenda e mistero

Nel borgo di Capro, vicino Bevagna, si trova il lago Aiso, conosciuto anche come il lago dell’Inferno. La sua storia affascina e incuriosisce tutti i visitatori perché avvolta tra leggenda e mistero. Il pittoresco laghetto dal diametro di 25 metri, dalle acque molto profonde di  circa 15 metri è una risorgiva artesiana. La strada per raggiungerlo è nascosta da quella principale e l’aria che si respira prima di arrivarci è  strana, davvero inspiegabile, quasi magica. Superata una fila di pioppeti, incastonato in un paesaggio bucolico tipico umbro potrete scorgere il Lago Aiso, riconosciuto luogo del cuore dal Fai, fondo ambiente italiano.

LA STORIA DEL LAGO AISO

La storia ai confini tra leggenda e mistero racconta che il lago si formò in seguito alla caduta tra gli abissi di un casolare di un vecchio contadino avido, di nome Chiarò,  che il giorno di Sant’Anna, decise di  trebbiare. Si narra che Chiarò non era curante di osservare il calendario religioso e le sue festività mentre la moglie era una donna dall’animo caritatevole. Mentre il contadino stava trebbiando insieme ai suoi operai, la moglie venne avvertita dalla voce di un angelo che doveva fuggire perchè sarebbe annegata. Mentre la cascina sprofondava insieme al marito, la donna scappò con in braccio i suoi bambini. Si accorse di essere rincorsa dall’acqua e in quell’istante le apparve di nuovo l’angelo che le consigliò di abbandonare il figlio più piccolo perché crescendo sarebbe diventando avido ed avaro come il babbo. La donna riuscì a mettersi in salvo e proprio dove il bimbo venne abbandonato ha preso forma il laghetto più piccolo denominato Aisillo.

PH: Gianluca Spoletini

L’IMPORTANZA DELLA FESTA DI SANT’ANNA

La festa di Sant’Anna viene celebrata il 26 luglio, moglie di Gioacchino e madre della Madonna. E’ considerata la protettrice delle donne incinte e la patrona dei lavori agricoli. Secondo la tradizione nel giorno della festa è fatto divieto assoluto di trebbiare, chi non rispetterà la regola avrà problemi con i raccolti e con la terra coltivata. Per questo motivo si ha un forte riferimento tra la devozione di Sant’Anna con la formazione di abissi, voragini e sprofondamenti nelle zone coltivate. Venite a visitare il lago Aiso, il più piccolo del mondo, scoprirete la leggenda e il mistero che lo avvolge!

Vuoi raccontarci la Tua Umbria con una storia, delle immagini, delle leggende o un viaggio fatto nel cuore verde d’Italia? Mandaci una mail con il materiale e lo pubblicheremo con il vostro nome.

HAI UN’ ATTIVITA’ SLOW DA PROMUOVERE? UNA STRUTTURA RICETTIVA, UN’ ENOTECA, UNA BOTTEGA ARTIGIANALE O UN’ ESPERIENZA… CHIAMA IL 339-1520648 O SCRIVI UN’EMAIL.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *